Residenza in Portogallo

Scopri la differenza tra residenza in Portogallo e residente non abituale oltre che come usufruire dei vantaggi fiscali offerti da questo Paese.

Prendere la residenza in Portogallo comporta già da molti anni la possibilità di usufruire di grandi vantaggi fiscali se si rientra in determinate categorie come per esempio quella dei pensionati.

Infatti nel 2009 il Portogallo ha creato un regime fiscale speciale per i residenti non abituali (RNH) basato sull’imposta sul reddito personale (IRS).

Questa misura, ancora in vigore oggi, ha come grande obiettivo attirare in Portogallo professionisti qualificati non residenti con attività ad alto valore aggiunto, intellettuali, imprenditori, grandi fortune.

Si intende inoltre attrarre i beneficiari di pensioni ottenute all’estero, che negli ultimi anni sono stati notevolmente affascinati da questo provvedimento che gli ha permesso di non pagare tasse durante la bellezza di 10 anni.

A partire dal 2021 anche i pensionati che hanno preso la residenza in Portogallo quest’anno e quelli che la prenderanno in futuro, dovranno pagare una tassa del 10% indipendentemente dall’importo ricevuto mensilmente.

Residenza in Portogallo Vs. Residente non abituale

Molte persone confondono la residenza in Portogallo con il regime fiscale del residente non abituale, però sono due concetti che non hanno nulla a che fare uno con l’altro.

La residenza in Portogallo non è altro che un documento fatto in Comune che si chiama “certidão de registo de cidadão da União Europeia” e che verrà rilasciato dopo la presentazione di determinati documenti che variano da comune a comune. 

In alcuni basterà con la carta d’identità e l’indirizzo completo dove ti sei stabilito in Portogallo, mentre in altri bisognerà portare contratto d’affitto, una prova dei redditi che dimostri come poter vivere in Portogallo, etc.

Mentre il residente non abituale è un regime fiscale e come tale va richiesto all’autorità tributaria competente, presentando i documenti richiesti, tra i quali ci sarà il certificato storico di residenza del tuo ultimo comune. 

Sarà l’ottenimento del residente non abituale a permetterti di ottenere i vantaggi fiscali in Portogallo.

1. Residenza in Portogallo: chi può richiedere il programma per la residenza non abituale in Portogallo?

Per verificare se puoi beneficiare di questo status, esiste una tabella recentemente aggiornata dall’ordinanza n. 230/2019 del 23/07/2019, che indica un catalogo di attività specifiche considerate di valore aggiunto per il mercato del lavoro nazionale in Portogallo.

In precedenza l’analisi dell’attività era basata sul codice di attività economica (CAE). Tuttavia, dal 1 ° gennaio 2020, al fine di convalidare la richiesta per il regime RNH, è necessario considerare il codice portoghese di classificazione delle professioni (CPP).

Pertanto, l’elenco dei professionisti e dei rispettivi codici CPP con cui è possibile motivare la richiesta è quello che troverai qui sotto.

1.1. Attività professionali avvantaggiate per la residenza non abituale in Portogallo

112 – Amministratori generali e direttori esecutivi di società;
12 – Direttori dei servizi amministrativi e commerciali;
13 – Direttori di produzione e servizi specializzati;
14 – Direttori di alberghi, ristoranti, commercio e altri servizi;
21 – Specialisti in scienze fisiche, matematica, ingegneria e tecniche affini;
221 – Medici;
2261 – Dentisti e stomatologi;
231 – Docenti di università e istruzione superiore;
25 – Specialisti in tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);
264 – Autori, giornalisti e linguisti;
265 – Artisti creativi e delle arti dello spettacolo;
31 – Tecnici di livello intermedio e professioni scientifiche e ingegneristiche;
35 – Tecnici di tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
61 – Agricoltori e operai specializzati nell’agricoltura e nella produzione animale, orientati al mercato;
62 – Operai specializzati nella foresta, pesca e caccia, orientati al mercato;
7 – Operai specializzati nell’industria, nell’edilizia e artigiani, compresi in particolare operai specializzati in metallurgia, lavorazione dei metalli, trasformazione alimentare, legno, abbigliamento, artigianato, stampa, fabbricazione di strumenti di precisione, gioiellieri, artigiani, lavoratori nel settore dell’elettricità e dell’elettronica;
8 – Operatori di impianti e macchine e addetti al montaggio, ovvero operatori di impianti e macchine fisse.

Vale la pena notare che i lavoratori delle attività professionali di cui sopra devono avere almeno il livello 4 di qualifica nel Quadro europeo delle qualifiche, o il livello 35 della Classificazione internazionale standard dell’istruzione, oppure anche cinque anni di esperienza debitamente comprovata.

1.2. Altre attività professionali implicate

Oltre a queste attività professionali, l’Ordinanza elenca anche altre attività coperte, vale a dire gli amministratori e dirigenti di società che promuovono investimenti produttivi, purché assegnati a progetti ammissibili e con contratti per la concessione di benefici fiscali stipulati ai sensi della Imposta sugli investimenti Codice.

1.3. Residenza in Portogallo: come funziona il regime RNH per i pensionati

Finalmente nonostante tutti i tipi di pensionato italiano possono prendere la residenza in Portogallo, non tutti possono ottenere la residenza non abituale in Portogallo necessaria per optare ai famosi vantaggi fiscali.

Solo i pensionati da lavoro privato possono optare allo status di residente non abituale in Portogallo e quindi ottenere i vantaggi fiscali durante 10 anni.

Per quanto riguarda i pensionati ex lavoratori statali, non è contemplato nel trattato tra Italia e Portogallo la possibilità di accedere a questi vantaggi fiscali e pertanto rimangono esclusi.

GUIDA RNH

Scarica GRATIS la Guida per capire come funziona la figura del residente non abituale in Portogallo che da diritto ai vantaggi fiscali.

GUIDA RNH
.

2. Come richiedere il regime di residenza non abituale in Portogallo?

La domanda di registrazione al regime di Residente non abituale deve essere presentata entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui sei diventato residente in Portogallo.

Pertanto, se per esempio inizi la tua residenza durante l’anno 2021, avrai tempo fino al 31 marzo 2022 per effettuare la tua richiesta RNH.

Per fare ciò, è sufficiente registrarsi tramite il Portale finanziario, elettronicamente o anche tramite domanda cartacea direttamente in Finanza.

Tuttavia, la domanda RNH deve essere presentata solo dopo aver ottenuto la residenza in Portogallo.

Se hai già un numero di identificazione fiscale (NIF) ma rimani comunque registrato come non residente, ovvero hai un rappresentante fiscale iscritto a Finanza, devi prima provvedere a modificare il tuo indirizzo e il tuo status di residente.

Il tuo ordine può essere effettuato in qualsiasi servizio della Finanza.

Ricorda anche che per poter essere considerato residente in Portogallo, dovrai passare in territorio portoghese almeno 183 giorni all’anno e la miglior maniera per dimostrarlo è affittare una casa con un contratto annuale legalmente registrato alla Finanza.

Nonostante tutto la miglior maniera per ottenere la residenza in Portogallo ed ottenere lo status di RNH, è farlo entro il 30 giugno dell’anno in cui ti trasferisci, soprattutto se sei pensionato, in maniera da ottenere la tua pensione lorda prima della fine dello stesso anno.

 

3. Quali documenti devo presentare per richiedere ed ottenere la Residenza non abituale in Portogallo?

Come accennato in precedenza, prima di effettuare l’ordine come residente non abituale, devi essere considerato, ai fini fiscali, residente in territorio portoghese.

Inoltre, la tua domanda deve essere presentata nell’anno in cui intendi iniziare a tassare come RNH.

Una delle condizioni principali per ottenere la residenza non abituale in Portogallo è che non puoi essere considerato residente nel territorio portoghese in nessuno dei cinque anni precedenti in relazione all’anno in cui intendi iniziare la tassazione come residente non abituale.

Dopo aver inviato la tua richiesta potrai consultare sul Portale della Finanza per scoprire se è stata accolta o rifiutata dall’Autorità Fiscale e Doganale. In tal caso, avrai la possibilità di stampare la prova di questa decisione.

Tuttavia, se svolgi una o più attività ad alto valore aggiunto, devi inviare l’originale o la copia autenticata del documento comprovante tale attività al Dipartimento Servizi di registrazione dei contribuenti.

Questa prova di attività può essere una dichiarazione rilasciata dal datore di lavoro, un contratto di lavoro o anche una procura che contenga i poteri di indirizzo e vincolanti della persona giuridica, se fai parte dell’Alta Direzione della Società.

Tuttavia, se la tua richiesta è stata respinta, sarai informato dall’Autorità Fiscale e Doganale della decisione, debitamente motivata, in modo che tu possa presentare le tue prove ed i rispettivi documenti giustificativi, se questo è il tuo desiderio.

Residenza in Portogallo 1

eBook "Vado a vivere in Portogallo?!"

La migliore opzione che puoi trovare per conoscere tutto sul trasferimento in Portogallo in 30 minuti direttamente da casa.

Residenza in Portogallo 2

Consulenza Cambio Vita

Vuoi analizzare la tua situazione personale per capire se e come trasferirsi in Portogallo può essere una buona idea? Allora scopri la nostra consulenza personalizzata "Cambio Vita".

4. Quali sono i vantaggi reali del residente non abituale?

Non appena sei considerato un residente non abituale, acquisisci il diritto di essere tassato in quanto tale per un periodo di 10 anni consecutivi dall’anno della tua registrazione come residente nel territorio portoghese.

Questo periodo di 10 anni per la residenza non abituale in Portogallo non è estendibile, cioè il regime termina alla fine di questo periodo. Vale la pena ricordare che, durante questo periodo, devi sempre rimanere residente in territorio portoghese.

Pertanto, se hai un reddito classificato nella categoria A, lavoratore dipendente, derivante da attività elencate nel CPP, allora devi effettuare la ritenuta alla fonte all’aliquota del 20%.

Allo stesso modo, nel caso di redditi di categoria B, lavoratori autonomi, si avrà una ritenuta alla fonte all’aliquota del 20%.

Per quanto riguarda i redditi ottenuti da una fonte estera, può essere applicato il metodo dell’esenzione. Tuttavia, è necessario analizzare gli accordi bilaterali esistenti tra il Portogallo e il paese da cui proviene la fonte di reddito estero.

Ad esempio, nel caso degli italiani, esiste un accordo per evitare la doppia imposizione tra Italia e Portogallo. Pertanto, per questi cittadini è necessario verificare le regole che si applicano a ciascuna tassa.

I pensionati hanno costituito una buona parte dei beneficiari del metodo di esenzione fiscale. Questo perché la qualità della vita, il clima e gli incentivi fiscali hanno finito per attrarre tutti questi stranieri in Portogallo.

5. Cosa è cambiato con il Bilancio dello Stato per il 2020 nel tema della residenza non abituale in Portogallo?

Tuttavia, vale la pena ricordare che con l’approvazione del Bilancio dello Stato per il 2020, Legge n. 2/2020, del 31 marzo, il reddito netto da pensione ha iniziato ad essere tassato all’aliquota del 10%.

Tuttavia, come accennato in precedenza, in caso di esenzioni è necessario analizzare gli accordi esistenti tra il Portogallo e il paese in cui è stato ottenuto il reddito.

Infine, dovresti sempre considerare la fattibilità di richiedere o meno il regime di Residente non abituale, poiché ogni caso è diverso e va valutato individualmente per evitare di commettere stupidi errori che possono compromettere la tua situazione.

Conclusioni sulla residenza in Portogallo

Dopo questa lettura sicuramente ne sai molto di più sulla residenza in Portogallo e sul residente non abituale.

Per riassumere:

♦ Residenza in Portogallo e residente non abituale sono due cose differenti che si ottengono in maniera differente;

♦ Prima si fa la residenza in Portogallo e poi il residente non abituale;

♦ Normalmente la residenza si ottiene nel Comune di residenza;

♦ Il residente non abituale si richiede alla finanza portoghese;

♦ Per ottenere il residente non abituale non devi avere avuto la residenza in Portogallo durante i 5 anni precedenti;

♦ Le pensioni sono tassate dal 2021 al 10%.

♦ Solo poche professioni possono rientrare nel regime di residente non abituale.

CONSULENZA CAMBIO VITA

Vuoi saperne di più sulla residenza in Portogallo?

Allora con la nostra consulenza personalizzata Cambio Vita, potremo approfondire la tua situazione, capire se è economicamente fattibile, definire la miglior location per le tue possibilità e necessità, vedere il processo di trasferimento passo a passo e risolvere tutti i tuoi dubbi.

Condividi subito con i tuoi amici questo fantastico articolo.

Gabriele Sala

Gabriele Sala

Imprenditore e Consulente Strategico

Sono 14 anni che costruisco business ed aiuto altre persone a farlo. Vivereinalgarve.com vuole aiutare le persone che si vogliono trasferire in Portogallo ad ottenere fin da subito tutte le informazioni necessarie per il trasferimento che tutti i consulenti non danno per paura di perdere i loro privilegi, basati sull'ignoranza delle persone e non sulle loro capacità professionali.

#stopomertà

Hai bisogno di aiuto con il trasferimento? Allora contatta subito qui sotto👇

Privacy Policy

13 + 14 =

Vivereinalgarve.com ti informa che i dati di carattere personale che ci proporzioni compilando questo formulario saranno trattati da Gabriele Sala come responsabile di questa web. Scopo: Mandarti informazioni e promozioni di vivereinalgarve.com. Legittimazione: Consentimento dell' interessato. Destinatario: I tuoi dati saranno guardati da MailerLite come piattaforma di Email Marketing. Altre Informazioni: Nella Politica sulla Privacy di vivereinalgarve.com troverai tutte le informazioni sullacompilazione e l'uso della tua informazione personale da parte di vivereinalgarve.com, inclusa informazione sull'acceso, conservazione, rettificazione, eliminazione, sicurezza e trasferimenti transfrontalieri ed altri temi.